Puglia: dove lo street food è magia

In Puglia si mangia bene, e si mangia bene perché la Puglia è una delle regioni più ricche, sotto diversi punti di vista. E il cibo è parte integrante di una cultura fatta di convivialità, amore per le cose semplici e per le tradizioni. Per questo lo street pugliese sia uno dei più interessanti edei più amati perché comprende di tutto, dall’antipasto al dolce. Ogni zona della Puglia presenta delle specificità el’elenco potrebbe essere infinito, eccone quattro, altamente rappresentativi e… calorici!

Il panzerotto

street food puglia:panzerotto

 

E’ il Re supremo dello street food pugliese. La sua forma a mezzaluna lo rende simile al calzone napoletano dal quale si differenzia per un tratto peculiare: il panzerotto deve essere fritto, possibilmente nell’olio extra vergine di oliva, ed è riempito di mozzarella e pomodoro oppure di un mix di ricotta e pepe. Lo si trova ad ogni angolo e in ogni forno che si rispetti sia nelle grandi città che in quelle piccole; a Bari all’interno dei quartieri del centro storico l’odore del panzerotto si diffonde in fretta e non farete fatica a trovarne uno di prima categoria… La ricetta per preparare i panzerotti alla pugliese la trovate di seguito.

 

 

La Focaccia

street food puglia: la focaccia

 

Tipica della zona di Bari, la focaccia fa parte dei cibi della tradizione che ancora oggi mantengono il loro status e occupano un posto importante nelle vite degli abitanti di questa zona. La vera focaccia si compra al forno e si mangia a metà mattina o metà pomeriggio ma non è difficile trovare chi la mangia a pranzo. La sua caratteristica principale? E’ alta, è unta, è salata e sostanziosa; la si può mangiare da sola o accompagnata con i salumi e/o i formaggi di zona. Un posto ottimo dove trovarla? Il Panificio Fiore di Bari, in pieno centro storico, sforna focaccia fin dalla notte dei tempi ed è un must sia per i baresi che per i pugliesi e per chi è semplicemente di passaggio in città.

Il rustico leccese

street food puglia: rustico

 

Come non parlare del famoso rustico di pasta sfoglia con mozzarella, pomodoro e besciamella? E’ uno di quei prodotti da forno che si mangia, esattamente come il panzerotto, a tutte le ore del giorno e della notte rigorosamente caldo ma non bollente, possibilmente con la besciamella che cola da tutte le parti. A Lecce il rustico si mangia praticamente ovunque. Opinione comune vuole che tra i migliori figurino quelli della Pasticceria la Fornarina, in centro.

 

Il Pasticciotto

street food puglia: pasticciotto

 

All’apparenza è solo un guscio di pasta frolla con della crema pasticcera (e a volte un’amarena all’interno) ma l’apparenza inganna, parecchio in questo caso. Il pasticciotto è poesia pura, racchiude l’anima della Puglia e del Salento nello specifico, profuma di cose buone e di famiglia. E’ il dolce della domenica ma anche della passeggiata e della merenda, gustato caldo è ancora meglio. I pasticciotti, vera istituzione, sono facilmente reperibili in tutto il Salento. Ad Alliste, provincia di Lecce, ha sede la pasticceria di Giovanni Venneri, già incoronato Re del Pasticciotto Salentino!

 

 

 

 



I Panzerotti: ricetta per 30 panzerotti grandi 

 
  • 1 Kg di Farina 00
  • 1 bicchiere di latte tiepido
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 380 ml di acqua
  • sale
  • zucchero
  • 2 litri di olio di oliva

 

Ripieno:

  • Mozzarella, scamorza dolce e pomodorini
  • Ricotta amalgamata con pepe nero, parmigiano e uova.

Procedimento

Sciogliete il lievito di birra nel il latte tiepido, riscaldate l’acqua senza farla bollire e aggiungete, quasi alla fine, un cucchiaino di sale. Disponete la farina a vulcano su una spianatoia, praticate il buco al centro e versate all’interno del buco l’acqua riscaldata, il latte con il lievito e un cucchiaino di zucchero. Impastate tutto con le mani sempre bagnate e calde quindi una volta che tutti gli ingredienti si sono amalgamati e l’impasto è diventato liscio dategli la forma di una palla e lasciate lievitare per almeno 3 ore in un luogo asciutto e al riparo dal sole. Trascorse le 3 ore ricavate tante palline dall’impasto principale e lasciatele lievitare su un piano infarinato per almeno 1 ora. Stendete le palline dandogli una forma rotonda riempitele al centro con il ripieno scelto e chiudete a mezzaluna facendo aderire i bordi, da sigillare con le mani in modo che il ripieno non esca. Fate scaldare l’olio di oliva e, una volta arrivato al punto di quasi bollore, tuffate i panzerotti e friggeteli. Serviteli caldi dopo averli scolati su carta assorbente.

 

 

Veruska Anconitano

 

  Sono Veruska Anconitano, La Cuochina Sopraffina dal nome dell’omonimo foodblog (www.lacuochinasopraffina.com), e nella vita sono una giornalista e una manager che ha trasformato la passione per la cucina in una buona parte del suo lavoro. Vivo in Irlanda, a Dublino, e mi porto l'Italia, culinaria, nel cuore tanto che a casa mia si mangia per lo più italiano e romano. Racconto il cibo come lo vivo: in maniera semplice e veloce. Vivo con una valigia sempre pronta e il passaporto sempre valido. Faccio sport per mangiare e mangio per fare sport. Chiacchiero, polemizzo, scrivo e rido, decisamente troppo. Sono food blogger per HomeaAway

 

Case Vacanze in Puglia

4  Notte/i soggiorno minimo
3 Camera/e da letto, 1 Bagno/i, Posti letto 7

#1317164

(0)
Prenota adesso!
1 - 7  Notte/i soggiorno minimo
1 Camera/e da letto, 1 Bagno/i, Posti letto 4

#6898734

(0)
7  Notte/i soggiorno minimo
2 Camera/e da letto, 0 Bagno/i, 2 WC, Posti letto 4

#6685330

(1)
Prenota adesso!
3  Notte/i soggiorno minimo
1 Camera/e da letto, 1 Bagno/i, Posti letto 2

#6750557

(0)
Da  EUR40 /notte
Prenota adesso!
1  Notte/i soggiorno minimo
4 Camera/e da letto, 2 Bagno/i, Posti letto 5

#6888273

(0)