On the road nell'entroterra siciliano: da Gibellina a Bagheria

C'è una parte della Sicilia in cui arrivano in pochi. Quella dei campi di grano, dei borghi in pietra, delle piccole botteghe e dei pupari. Un viaggio in auto da Trapani a Palermo, seguendo il vano miraggio di una segnaletica stradale quasi inesistente e il più concreto profumo dei cannoli, passando dalle strade malinconiche di un paese fantasma a una cena romantica in riva al mare.

Poggioreale

Poggioreale

Palazzi in bilico, ringhiere arrugginite, porte sventrate che non lasciano nulla all'immaginazione, legno, pietra, scale dissestate e cortili nascosti. Sembra un set realizzato appositamente per una produzione cinematografica, un paese fantasma fermo a 50 anni fa: in realtà nessuna finzione, solo quel che resta dopo il terremoto del 1968. Poggioreale è suggestiva, malinconica, completamente deserta, una sosta obbligata per gli amanti della fotografia; magari incrocerete qualche curioso arrivato lì per caso, giovani videomaker o set fotografici allestiti su quella che è stata ribattezzata come 'scala delle modelle'. La piazza centrale al tramonto regala una rarissima sensazione di pace, da non perdere.

 

 

Gibellina

Cretto di Burri

 

Il 'lenzuolo bianco' si scorge da lontano. Gibellina fu epicentro del terremoto del '68, un intero paese raso al suolo; alla fine degli anni '80 con una colata di cemento bianca, i 12 ettari di macerie vengono trasformati dal grande Alberto Burri in un'opera di land art unica al mondo : il Cretto di Burri. Il tracciato, con blocchi alti circa un metro e sessanta, ricalca il vecchio impianto urbanistico della città; consiglio di attraversarlo per sentirsi parte viva di un'opera d'arte a dir poco grandiosa.

Gibellina nuova sorge a circa 20 km dal Cretto e può essere definita il Museo en plein air più grande del mondo. Negli anni '70 l'allora sindaco Ludovico Corrao, impegnato nella costruzione della città, chiamò a raccolta decine di artisti di fama mondiale; risultato: strade disseminate di bellissime sculture e palazzi colorati dall'architettura originale. Da non perdere il Museo delle Trame Mediterranee e la sua collezione di arte contemporanea, una delle più importanti d'Italia.

 

 

Salemi

Salemi

 

Curiosità: qui Garibaldi nel 1860 sventolò la prima bandiera tricolore d'Italia. Consiglio: perdetevi nel centro storico. Vicoli stretti, scale ripidissime e cortili nascosti vi porteranno fino ai resti dell'ex Chiesa Madre, costruita su un'antica moschea araba prima ancora tempio pagano. Da non perdere: una visita al Museo della Mafia e il bellissimo panorama dal terrazzo del Castello Normanno-Svevo, simbolo della città.

 

Case Vacanze a Salemi

 

 

 

 

 

 

Piana degli Albanesi

Piana degli Albanesi

 

Dalla provincia di Trapani passiamo a quella di Palermo e dirigiamoci verso 'il cannolo può buono di Sicilia' ; posso confermarlo, da solo vale l'intero viaggio. Fate colazione nello storico Extra Bar (Piazza Vittorio Emanuale 4), dopodiché godetevi il paese, famoso per essere una delle più note comunità arbëreshë: unione perfetta di Italia e Albania nelle tradizioni, nella lingua e nella convivenza tra culto cristiano e culto greco-bizantino. Dopo una passeggiata tra le chiese e le antiche fontane in pietra, non resta che godersi i 300 ettari di natura incontaminata del sottostante lago, perfetto per una semplice pausa relax o per attività sportive all'aria aperta.

 

 

 

Bagheria

Bagheria

 

Tra i palazzi di tufo, le bellissime ville del XVII secolo e il corso principale, il pensiero va subito a Tornatore. Ci sono le coppole, c'è la granita, ci sono i ritmi rilassati del sud: insomma, c'è il cuore della Sicilia. Segnatevi il Museo del Giocattolo e delle Cere Pietro Piraino e Villa Palagonia, conosciuta come Villa dei Mostri'a causa della fitta schiera di statue dai volti mostruosi presenti lungo il viale. Nell'aria si sente il mare, raggiungibile in pochissimi minuti di auto; dirigetevi verso la frazione di Santa Flavia, poesia allo stato puro verso il crepuscolo, al rientro dei pescherecci. Imperdibile Capo Zafferano, un piccolo promontorio che regala un'incredibile scogliera a picco nel mare cristallino. Come concludere questo viaggio on the road? Ovviamente con un bagno e un romantico aperitivo sul mare.

 

Case Vacanze a Bagheria

 

 

 


 

 

Roberta Longo Roberta Longo

 

Giornalista, Social Media Manager e Travel Writer, nel 2010 ho fondato il travel blog Infoturismiamoci.com Orientata al turismo sostenibile e responsabile, amo sperimentare percorsi alternativi, autentici, lontani dal “rumore” del turismo di massa. Alla continua ricerca di un local expert che mi permetta di vivere la destinazione da insider, onoro sempre lo street food locale. Roberta è blogger del #TBnet e Travel Blogger per HomeAway