Come trasformare la tua casa in campagna: consigli utili per proprietari di case vacanza in campagna

La mia casa: consigli per chi affitta case in campagna

La mia casa: consigli per chi affitta case in campagna

Casolari in pietra, agriturismi, fattorie, coloniche, masserie pugliesi, dammusi siciliani, county house e cottage in Inghilterra o in altre regioni europee: si fa presto a dire case in campagna! Da sempre, ogni area agricola accoglie sul suo territorio abitazioni con caratteristiche salienti, legate a specificità locali, come l'abbondanza di un certo materiale o progettate per assecondare specifiche esigenze climatiche. Lo sanno bene i proprietari di case vacanze che ricadono in aree rurali o a vocazione agricola sia in Italia che all'estero: nella maggior parte dei casi, le loro abitazioni rappresentano un unicum, capace di raccontare storie e tradizioni affascinanti. Nonostante l'importante varietà in fatto di strutture, dimensioni e finiture, ci sono anche alcuni aspetti comuni a tutte le case vacanze in campagna. Per questo è possibile raccogliere suggerimenti utili per chiunque le possieda e decida di affittare per brevi o lunghi soggiorni. Cerchiamo insieme di capire quali sono i punti di forza di questa categoria di dimore, come intervenire per piccoli o grande restlyling e in che modo conservare con cura e costanza sia negli spazi interni che in quelli esterni.

 

 

 

Case in campagna: punti di forza e punti deboli Case in campagna: punti di forza e punti deboli

Il silenzio, l'ubicazione in contesti capaci di esprimere quiete e serenità, la particolarità degli ambienti interni, nei quali spesso abbondano pavimenti in cotto, finiture in pietra, travi in legno e altri elementi di matrice country, la possibilità di trascorrere ore all'aperto, in piena libertà, sono alcuni dei punti di forza delle case in campagna. Se da una parte questi elementi risultano essere prioritari per gli ospiti che sognano una vacanza a contatto con la natura, dall'altra è buona norma dei proprietari provvedere alla loro cura. La pulizia di tutti gli ambienti, il corretto funzionamento degli infissi, delle persiane, degli impianti, compreso quello di climatizzazione eventualmente presente, la presenza di arredi che rendano fruibili la veranda e il giardino, il buon stato di conservazione del manto erboso e della piante, sia officinali che decorative dovrebbero essere oggetto di una verifica prima dell'arrivo degli ospiti. Le case in campagna in particolari, a causa della loro maggiore esposizione agli agenti climatici, alla presenza di fniture anche d'epoca, al contesto verde circostante, necessitano di attenzioni aggiuntive. Pensateci: nessuno mai vorrebbe trascorrere un soggiorno in una casa dall'aspetto poco ospitale!

 

        

Case in campagna: le attenzioni essenziali per giardini, orti e frutteti Case in campagna: le attenzioni essenziali per giardini, orti e frutteti

 

Il giardino, l'aia, l'orto o il frutteto, sono il biglietto da visita della vostra proprietà. Nessuno si aspetta di soggiornare in una casa in campagna senza poter godere del piacere una cena all'aperto, senza poter prendere il sole sotto un pergolato, senza poter ammirare il paesaggio! I motivi che spingono verso la scelta di affittare un'abitazione di questo tipo vanno infatti rintracciati nella possibilità di trascorrere alcuni giorni di totale relax lontano dalla propria quotidianità, potendo contare su una dimora silenziosa e curata, dove al verde siano state riservate tempo e dedizione. Se non avete quindi la possibilità di investire in questo senso, abbiate cura di scegliere delle specie arboree facilmente coltivabili, come dei sempreverde; in alternativa individuate alcune tipologie capaci, in tutto l'arco dell'anno, di regalarvi qualche soddisfazione, evitando di concentrare le infiorenze nel periodo compreso tra maggio e settembre. Se lo spazio all'aperto antistante l'abitazione è di dimensioni ridotte oppure non ha bisogno di nuove piantumazioni, potete concentrarvi nella selezione dei vasi per il travaso, scegliendo uno stile, un colore e un materiale che risultino prevalenti e divertendovi nella creazione di piccole composizioni.  Nel caso di proprietà a cui sono collegate un'azienda agricola o una fattoria con animali, è bene mantenere l'aspetto più marcatamente campestre, tenendovi sempre a distanza dalla trasandatezza e limitando, se possibile, i cattivi odori.

Alcuni consigli comuni per tutti!

  • Negli spazi esterni favorite un equilibrio di fioriture, includendo alberi da frutto ed eventuali varietà locali.
  • Sforzatevi di dare vita ad un ambiente di aspetto gradevole e fruibile, nel quale siano presenti porzioni di ombra e aperture assolate, riducendo eventuali ostacoli per gli ospiti a ridotta mobilità o per i bambini: nessuno vorrebbe alloggiare in un casa di campagna il cui giardino è tenuto "sotto vetro" come un'opera in un museo!
  • La varietà cromatica e floraeale si apprezza solo quando è accompagnata da criteri di buon gusto: evitate quindi l'effetto "patchwork Arlecchino" se non siete certi di saperlo realizzare con l'opportuna creatività.

Case in campagna: come valorizzare gli spazi interni Case in campagna: come valorizzare gli spazi interni

Concetto chiave da tenere a mente in caso di interventi sia di restyling sia per le ristrutturazioni importanti: ricordarsi sempre di esaltare lo spirito del luogo! In particolare, gli spazi interni, godibili durante tutto l'anno, non dovrebbero riflettere solo il gusto del proprietario o del progettista cui è stato assegnato l'incarico di scegliere arredi, finiture e tutti i dettagli decor. Il salotto, la cucina, la stanza padronale, il bagno dovrebbero essere tutti parte di una sorta di "racconto", comunicando con una lingua comune. Abbiate quindi cura di individuare stampe realizzate da artisti locali o che riproducono il paesaggio circostante, di inserite oggetti legati alle vicende locali: non è necessario si tratti di elementi preziosi, anche una brocca antica o un piccolo utensile impiegato per le attività agricole andrà benissimo!).

Cercate di arricchire gli spazi comuni con materiale divulgativo sulla vostra zona e soprattutto individuate uno stile distintivo che permetta alla vostra cosa di restare impressa nella memoria di quanti la affitteranno: può trattarsi di un colore o un pattern decorativo, declinato ad esempio nelle stoviglie, nei tessuti, nelle tappezzaria o anche di un profumo per ambienti, di un qualsiasi altro elemento da riproporre, in maniera misurata e senza strafare, in vari angoli dell'abitazione. Nel caso infine in cui dobbiate sottoporre la vostra proprietà ad un intervento più corposo, valutate in modo accurato la possibilità di compiere azioni di consolidamento, di coibentaredelle coperture, specie se antiche, e di rinnovare gli impianti, esaminando le prestazioni dei pannelli solari nella vostra zona e  le tecnologie più recenti, come la geotermia. In ogni caso, non occultate il passato nella vostra casa mascherandolo con pannellature o altri sistemi di gusto discutibile o impattanti nel paesaggio. Infine se, sia per le finiture da esterno che per quelle destinate agli interni, decidere di indirizzare l'attenzione verso soluzioni non appartenenti alla cultura locale, cercate comunque di non corrompere l'originaria identità del luogo: quella è il vostro carattere distintivo!


 
   
 

 
 

 

Seguici su

Facebook Italia Twitter Italia Pinterest Italia Google+ Italia